www.toltedalcassetto.it  -  Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
Home Page del sito Photo Magazine Prima Pagina Site Maps
 
Itinerario cicloturistico
sulle colline della Val di Magra
e della bassa Val di Vara
 
[ PERCORSO LC4-N001 ]  S.Stefano di Magra, Sarzana, Ponte della Colombiera, Ameglia, Montemarcello, Serra di Lerici, Lerici, San Terenzo, Pitelli, Baccano di Arcola, Termo della Spezia, Fornola di Vezzano Ligure, Vezzano Ligure, Buonviaggio, Bottagna, Pian di Follo, Follo Alto, Tivegna, Piana Battolla, Pian di Madrignano, Ceparana, S.Stefano di Magra (Km totali 82)
 
SARZANA - La rotatoria sulla variante della Statale n. 1 Aurelia al centro della quale è stato "parcheggiato", in pianta stabile, un aereo della Guardia Costiera
 
●  Manuale del cicloturista ●  Strade e piste ciclabili ●  Itinerari
●  La ciclabile del Lunense ●  Mappa del territorio ●  Sorgenti d'acqua
 
Si tratta di un itinerario collinare e circolare che tocca varie località della Val di Magra e Val di Vara e sconfina leggermente anche nel Golfo della Spezia per attraversare due località turistiche marine di eccellenza, ovvero Lerici e San Terenzo. Si affrontano varie salite: le maggiori sono quelle che portano a Montemarcello Magra, Pitelli, Vezzano Ligure e Follo. Quest'ultima è la più impegnativa, sia per la pendenza sia per il fatto che arriva dopo un significativo numero di chilometri percorsi.
La massima altitudine viene raggiunta nel borgo di Tivegna, posto a 370 metri di quota. Questo percorso può essere compiuto in ogni parte dell'anno e, dal punto di vista panoramico, è uno dei più belli in quanto consente di apprezzare dall'alto alcune vette dell'Appennino Tosco-Emiliano, le Alpi Apuane, la costa versiliese, tutta la Val di Magra, la città della Spezia e il suo Golfo.

Si inizia con un tratto di pianura lungo la Strada Statale n. 62 della Cisa che conduce fino a Sarzana in località Santa Caterina. Da quel punto si prosegue dritti lungo la relativa variante che bypassa il centro cittadino. Dopo essere transitati sotto il viadotto ferroviario ci viene incontro una rotatoria molto grande e caratteristica (8° km) perché nel suo centro si trova "parcheggiato" un aereo della Guardia Costiera. Teniamo la sinistra per uscire in direzione di Carrara. Ci siamo spostati sulla variante della Strada Statale n. 1 Aurelia che attraversa una zona commerciale.

Al termine di un lungo rettilineo è posta un'altra rotatoria che snellisce il traffico nella parte sud di Sarzana. Tenedo la destra imbocchiamo l'ampio Viale XXV Aprile che porta verso il mare. Ne usciremo poco oltre il ponte che scavalca l'autostrada A12, svoltando sulla destra all'altezza del cantiere navale Intermarine (13° km) per poi costeggiare il fiume Magra. All'incrocio con la strada del Senato di Lerici (14° km + 35) è necessario svoltare a destra ed attraversare il Ponte della Colombiera per raggiungere il piano di Ameglia, il cui centro storico si staglia sulle colline alla nostra sinistra.

Ci lasciamo condurre dalla segnaletica stradale fino ai piedi (16° km) della salita che raggiunge il capoluogo e quindi a Montemarcello (266 metri di quota). La pendenza è dolce (5% di media), tranne che nell'ulimo chilometro dove bisogna faticare maggiormente. Volendo si può fare una sosta presso la Terrazza Bellavista (19° km + 46) da dove si può ammirare uno stupendo panorama sul fiume Magra, sulle Alpi Apuane e sulla costa versiliese. Arrivati al culmine (21° km + 60) ci aspetta subito una picchiata lungo la strada che costeggia il Golfo della Spezia per terminare in quel di Bellavista di Lerici.
 
 Il ciclismo nel sito
La prima corsa nel 1870 Giorni epici al Giro d'Italia Imprese di Fausto Coppi
Eventi e campioni dal 1949 Storia del Tour de France Il Giro della Lunigiana
 
Si pedala praticamente lungo tutto il promontorio del Monte Caprione, che fa parte del Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra. Fino a Lerici ci sono alcuni saliscendi, il più impegnativo dei quali è proprio quello che si presenta subito dopo avere oltrepassato Montemarcello. Il seguente breve tratto in salita, di poco superiore al chilometro, incide sull'agilità della pedalata. Ne fu vittima anche il ciclista francese Fignon che rimase staccato ed al termine della tappa accusò un ritardo tale da costargli la vittoria di un Giro d'Italia.
 
LERICI - Guardando San Terenzo dalla Venere Azzura
 
Un'altra picchiata è quella che dalla frazione Serra (28° km) porta a Lerici (32° km), perla del Golfo dei Poeti. Proseguiamo sul lungomare fino a San Terenzo (34° km) per poi tornare a salire in direzione di Pitelli (118 metri di quota). I primi 200 metri si salita sono abbastanza impervi poi, passato il semaforo della strada panoramica (svolta a sinistra), la situazione diventa abbordabile. Il bivio per Pitelli (34° km + 72) si trova appena prima della Galleria degli Scoglietti (sulla sinistra). Dopo essere transitati sotto l'arco di Pozzuolo (35° km + 34) è necessario girare a destra per raggiungere il borgo e quindi Baccano di Arcola. A Pitelli, in Piazza IV Novembre (37° km + 44) bisogna proseguire a destra in direzione di Arcola. La salita termina al bivio per Canarbino di Lerici, oltre il quale ci si presenta un nuovo saliscendi non impegnativo fino a Baccano (40° km + 32).

Ci troviamo lungo l'Antica Via del Golfo (vedi note aggiuntive). In Piazza Mazzini un cartello storico (ben conservato) del Touring Club Italiano, sponsorizzato dalla marca di benzina "Lampo", segnala tuttora la località e la sua altitudine. Riprendiamo a viaggiare in discesa fino al Termo della Spezia, transitando a fianco della Pieve dei Santi Stefano e Margherita (40° km + 68). Alla chiesa (sec. XII) è stato tagliato un angolo della facciata per permettere un transito più agevole lungo la strada che, in quel punto, rimane comunque ancora molto stretta. Si sbuca presso un'ampia rotatoria (42° km + 48) dove bisogna girare sulla destra in direzione di Vezzano Ligure: ci troviamo sulla Strada Statale n. 1 Aurelia. Arrivati a Fornola ci viene incontro un'altra rotatoria (44° km + 74) dove confluisce anche la Strada Provinciale n° 31 della Ripa. Imboccata questa arteria, si transita sotto il viadotto autostradale e qualche metro oltre, sulla sinistra, c'è il bivio ( 44° km + 91) dove inizia la Salita dei Castagneti che conduce a Vezzano Ligure.

Se compiuta da sola, questà asperità è un'ottima "palestra" per allenarsi pedalando. Non ci sono punti in forte pendenza e la vista può godere di vari interessanti panorami. Da Fornola si arriva al culmine di Vezzano Soprano (271 metri di quota) in poco più di 4 chilometri (6% di media con punte inferiori al 10). Il tratto finale è un rettilineo molto soleggiato dal quale si può osservare la parte terminale del Golfo della Spezia e le sue isole. Nella stagione invernale vale la pena di sostare comodamente seduti lungo il muraglione che divide la strada dai terreni restrostanti per fare uno spuntino e riscaldarsi al tepore dei raggi solari.

Da Vezzano Soprano (48° km + 97) si torna a scendere verso il basso per raggiungere Buonviaggio dove si può ammirare la caratteristica "Madonnina dei ciclisti" (53° km + 09), li posta a protezione di tutti coloro che transitano pedalando. All'incrocio con la Strada Statale n° 330 si svolta a destra e si prosegue in direzione di Bottagna (56° km) e Pian di Follo. Al termine del lungo rettilineo che costeggia la zona commerciale di Bottagna c'è una rotatoria (56° km + 75) dove bisogna deviare impegnando la strada che conduce verso la Val di Vara.

Arrivati a Pian di Follo, appena passato il ponte sul torrente Durasca (57° km + 45), si gira a sinistra lungo la strada che porta nella valle omonima. Dopo un centinaio di metri si presenta (sulla destra) il bivio dove inizia la salita di Follo Alto. Questa asperità non è certamente facile, visti anche i chilometri che si hanno sulle gambe. La pendenza è discreta (media del 9% con punte sopra il 12%), i tornanti sono pochi e molto corti. Si sale in continuo, affrontando anche lunghi rettilinei. Prima di arrivare a Follo Alto (324 metri di quota), sulla sinistra, troviamo la deviazione (60° km + 82) per raggiungere Sorbolo e Tivegna. Al momento in cui si scrive questa segnalazione è fatta con un cartello "artigianale" posto in mezzo ad altri di origine commerciale.

Questa strada comunale raggiunge la provinciale per Tivegna viaggiando a mezza costa prima di sbucare nei pressi di una chiesetta (63° km). Nella stagione invernale la zona è l'ideale per riscaldarsi al tepore dei raggi solari in quanto è quasi totalmente priva di alberature. Per arrivare nel centro storico bisogna svoltare a destra e salire ancora un po' di quota, attraversando un bosco di castagni e altre piante di alto fusto. Questo tratto di 2,4 chilometri è nuovamente transitabile dopo che, anni addietro, era stato interessato da alcuni movimenti franosi.

Da Tivegna (370 metri di quota), amena frazione di Follo, la vista può spaziare sulla Bassa Val di Vara e la Val di Magra. All'entrata del borgo (65° km + 39), vicino ad una cappella votiva, è stata allestita una piccola area attrezzata per la sosta da dove partono i sentieri del CAI per le Cinque Terre. Per i ciclisti è quasi d'obbligo fermarsi per attingere acqua da una fonte molto rinomata, quella del Purcaeza, che sgorga da una caratteristica fontanella in legno. Tivegna è il punto più alto del percorso dopodiché si inizia a scendere in direzione di Piana Battolla lungo la Strada Provinciale n. 14. La discesa è molto ripida (media 8,2% con punte oltre il 10) e il manto stradale abbastanza rovinato, quindi è necessario prestare molta attenzione e non raggiungere alte velocità.

Ariivati a basso in località Piè di Costa (69° km + 94) si svolta a sinistra lungo la strada che attraversa Piana Battolla (71° km + 68) ed il ponte sul fiume Vara. Alla rotatoria di Piano di Madrignano (72° km + 44), posta quasi sotto il viadotto autostradale, teniamo la destra per dirigerci verso Ceparana. Da Ceparana (77° km) l'itinerario procede lungo un tratto della Strada Statale n° 330 con attraversamento di Albiano Magra e del nuovo ponte sul Magra (inaugurato il 30 aprile 2022) prima di raggiungere la dismessa stazione ferroviaria della Bettola di Caprigliola (vedi foto della zona), lungo la Statale della Cisa. Manca solamente un chilometro e mezzo al rientro in quel di S.Stefano di Magra (82° km).
 
COMUNE DI FOLLO - Segnaletica turistica della "Strada dei Tedeschi"
 
NOTE AGGIUNTIVE - Questa pedalata collinare tocca vari punti dell'Alta Via del Golfo, un itinerario ad elevato interesse culturale e paesaggistico che congiunge gli antichi borghi che si affacciano sul Golfo dei Poeti, tre Parchi (Montemarcello-Magra, Portovenere e Cinque Terre) ed i percorsi escursionistici di lunga percorrenza Sentiero Liguria e Alta Via dei Monti Liguri che conduce fino a Ventimiglia scorrendo lungo lo spartiacque principale della catena alpino-appenninica che separa la costa mediterranea dalla Pianura Padana.
Sul lungomare di San Terenzo si transita di fronte a Villa Magni, edificata verso la metà del Settecento come Villa De Rocca, in seguito acquistata, ampliata ed utilizzata come residenza marina della famiglia Magni di Sarzana.
La casa, oggi dimora ADSI, è famosa perché negli anni Venti del XIX secolo vi soggiornò il poeta inglese Percy Bisshe Shelley, che era ospite di alcuni amici conosciuti a Firenze.
Shelley amava vagabondare nelle acque del Golfo con la sua imbarcazione. Questa sua passione per il mare gli fu fatale l'8 luglio del 1922 quando stava rientrando dal porto di Livorno con il suo schooner "Ariel". Benché sconsigliato dagli amici che era andato a trovare a Pisa, volle ugualmente prendere il largo ma fu sorpreso da una tempesta che causò l'affondamento della sua imbarcazione ed il suo annegamento insieme ad altre due persone che lo stavano accompagnando. Il suo corpo venne ritrovato il 16 di agosto nelle acque costiere tra Migliarino Pisano e Torre del Lago.
La villa è stata trasformata in un piccolo museo che raccoglie opere e cimeli del poeta e di sua moglie Mary Godwin Wollstonecraft.
A Lerici un altro edificio storico di particolare interesse è Villa Marigola che sorge sul piccolo contrafforte che scende da Solaro, in posizione panoramica sulla località Venere Azzurra. Il manufatto risale con tutta probabilità alla fine del XVIII secolo. Dalle notizie catastali risulta che nel 1812 era la casa di campagna del marchese Gaetano Ollandini, che risiedeva nella villa omonima di Sarzana; la sua tenuta marina comprendeva anche Villa Magni. Oggi Villa Marigola è diventata la sede del Centro Studi della Cassa di Risparmio della Spezia
Appena fuori dal borgo di Pitelli, in direzione di Arcola, sul ciglio della strada c'è un blocco di pietra di grandi dimensioni, sormontato da una targa informativa della Pro Loco. Quel masso arrivò a Pitelli (assieme ad altri) in una notte piovosa tra il 28 e il 29 settembre del 1922 in seguito allo scoppio della polveriera di Falconara. Un nugolo di massi e detriti cadde dall'alto distruggendo moltissime abitazioni e causando la morte di oltre duecento residenti nella parte orientale del Golfo della Spezia, fino in località Muggiano. Il Forte di Falconara, nel quale erano depositate 1.500 tonnellate di munizioni ed esplosivi, venne letteralmente cancellato dal terreno ed al posto dei possenti bastioni restò un largo e profondo cratere, come il cono di un vulcano. Il boato fu talmente forte da essere avvertito anche nei paesi della Lunigiana. La tragedia ebbe una vasta eco e nelle zone colpite dall'esplosione si recò in visita il 24 maggio del 1923 perfino il re Vittorio Emanuele III.
A Fornola inizia la Strada Provinciale n° 31 della Ripa che scorre lungo la sponda destra del fiume Magra e consente di raggiungere l'abitato di Bottagna. Un collegamento viario di estrema importanza per tutti coloro che si dirigono verso La Spezia o la Val di Vara o ne provengono in direzione di Sarzana e della costa marina. Purtroppo sono anni che questa arteria è interessata da un movimento franoso che ne condiziona la transitabilità.
Nel punto dove il terreno cede il traffico si è svolto, per lungo tempo, a senso unico alternato con regolazione semaforica e con il divieto di circolazione per pedoni e ciclisti. Oggi le due gallerie artificiali che sono state costruite consentono un traffico normale sulle due corsie, ed i ciclisti possono nuovamente transitare su questo tratto. Pertanto chi vuole evitare la salita di Vezzano Ligure potrà farlo impegnando questa strada.
Va comunque rimarcato che, in caso di abbondanti piogge, la Ripa viene tuttora chiusa per motivi di sicurezza e pertanto la circolazione può rimanere interrotta anche per alcuni giorni.
 
Legenda degli itinerari:
PERCORSO LC3-N001 ●  S.Stefano di Magra, Ceparana, Piano di Madrignano, Padivarma, Ponte del Ramello, Memola, Pignone, Cinque Terre, Golfo della Spezia, La Spezia, Buonviaggio, Bottagna, Ceparana, S.Stefano di Magra (Km totali 83)
PERCORSO LC4-N001 ●  S.Stefano di Magra, Sarzana, Ponte della Colombiera, Ameglia, Montemarcello, Serra di Lerici, Lerici, San Terenzo, Pitelli, Baccano di Arcola, Termo della Spezia, Fornola di Vezzano Ligure, Vezzano Ligure, Buonviaggio, Bottagna, Pian di Follo, Follo Alto, Tivegna, Piana Battolla, Pian di Madrignano, Ceparana, S.Stefano di Magra (Km totali 82)
PERCORSO LC4-N002 ●  Santo Stefano di Magra, Aulla, Terrarossa, Villafranca in Lunigiana, Sorano, Scorcetoli, Pontremoli, Mignegno, Molinello, Casalina Valdantena, Groppodalosio, Pracchiola, ritorno verso Pontremoli, SS Annunziata, Ponte Teglia, Arpiola, Groppoli, Ponte Magra, Lusuolo, Barbarasco, Terrarossa, Aulla e rientro a S.Stefano di Magra (km totali 92)
PERCORSO LM4-N001 ●  Santo Stefano di Magra, Aulla, Gassano, Gragnola, Casola in Lunigiana, Passo dei Carpinelli, Piazza al Serchio, Lago di Gramolazzo, Ugliancaldo, Gragnola, Aulla, Santo Stefano di Magra (Km totali 102)
PERCORSO LM4-N002 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Terrarossa, Villafranca in Lunigiana, Arpiola, Ponte Teglia, SS Annunziata, Pontremoli, Grondola, Passo del Brattello. Nel tornare indietro, da Pontremoli si percorre la SS 62 della Cisa attraversando Filattiera, Villafranca, Terrarossa, Aulla prima di far ritorno a S.Stefano di Magra (km totali 103)
PERCORSO LM5-N001 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Monti, Licciana Nardi, Tavernelle, Passo del Lagastrello, Rigoso. Nel tornare indietro da Monti di Licciana si percorre la SP 55 che passa per Costamala ed arriva al Masero di Terrarossa. Per raggiungere il centro storico di Aulla si utilizza la ciclabile della Via Francigena e poi si rientra a S.Stefano di Magra (Km totali 85)
PERCORSO MC3-N001 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Gassano, Gragnola, Casola in Lunigiana, Vigneta, Reusa, Terenzano, Fivizzano, Posara, Moncigoli, Soliera, Rometta, Pallerone, Aulla e ritorno a S.Stefano di Magra (Km totali 72)
PERCORSO MC3-N002 ●  S.Stefano di Magra, Passerella Viadotto A15, Fornola, Bottagna, Variante Zona Industriale Ceparana, Piano di Madrignano, Cavanella Vara, Stadomelli, Ponte del Ramello, Oltre Vara, Padivarma, Pian di Barca, Riccò del Golfo, San Benedetto, Foce della Spezia, Valdurasca, Pian di Follo, Bottagna e rientro a S.Stefano in senso inverso all'andata (Km totali 65)
PERCORSO MC3-N003 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Pallerone, Serricciolo, Rometta, Gassano, Gragnola, Variante panoramica sulla riva sinistra del Lucido, Monzone, Equi Terme. Si rientra poi per Monzone, Mezzana, Codiponte, Gragnola, Gassano, Rometta, Serricciolo, Olivola, Quercia di Aulla, Aulla, S.Stefano di Magra (Km totali 73)
PERCORSO MC3-N004 ●  S.Stefano di Magra, Passerella Viadotto A15, Fornola, Bottagna, Variante Zona Industriale Ceparana, Piano di Madrignano, Padivarma, Borghetto Vara, Casale di Pignone, Pignone, Pian di Barca, Padivarma, Piano di Madrignano, Piana Battolla, Pian di Follo, Bottagna e rientro a S.Stefano di Magra in senso inverso all'andata (Km totali 74)
PERCORSO MC3-N005 ●  Santo Stefano di Magra, Aulla, Terrarossa, Villafranca in Lunigiana, Filetto, Bagnone, Treschietto, Vico, Corlaga, Bagnone, Villafranca in Lunigiana, Ponte Magra, Lusuolo, Barbarasco, Terrarossa, Aulla e rientro a Santo Stefano di Magra (km totali 63)
PERCORSO MC4-N001 ●  S.Stefano di Magra, Sarzana, Ponte della Budella, Carignano, Passo del Cucco, Ceserano, Fivizzano, Castello della Verrucola, Fivizzano, Posara, Moncigoli, Soliera, Rometta, Serricciolo, Olivola, Quercia di Aulla, Aulla, S.Stefano di Magra (Km totali 76)
PERCORSO MC4-N002 ●  S.Stefano di Magra, Ceparana, Piano di Madrignano, Padivarma, Bracelli, Pignone, Casale di Pignone, Borghetto Vara, Termine di Roverano, Santuario di Roverano, Bivio per la Statale n. 566, Brugnato, Borghetto Vara, Padivarma, Piano di Madrignano, Piana Battolla, Pian di Follo, Ceparana, S.Stefano di Magra (Km totali 79)
PERCORSO MC4-N003 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Terrarossa, Barbarasco, Corneda, Groppo, Giovagallo, Tavella, Novegigola, Passo dei Solini, Montedivalli, Piano di Madrignano, Piana Battolla, Pian di Follo, Piano di Valeriano, Bottagna, Fornola, Passerella Autostrada A15 e rientro a S.Stefano di Magra (km totali 55)
PERCORSO MC4-N004 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Terrarossa, Barbarasco, Corneda, Tresana, Lorenzana, Popetto, Pieve di Castevoli, Canossa, Ponte Magra, Villafranca, Piano di Virgoletta, Merizzo, Amola, Monti di Licciana, Masero di Terrarossa, Aulla e rientro a S.Stefano di Magra (km totali 58)
PERCORSO MC4-N005 ●  S.Stefano di Magra, Ciclabile del Canale Lunense, Sarzana, Ponte della Budella, Carignano, Canepari, Ponzanello, Pallerone, Serricciolo, Piano di Collecchia, Bigliolo, Pontebosio, Monti di Licciana, Masero di Terrarossa, Aulla e rientro a S.Stefano di Magra (Km totali 64)
PERCORSO MC4-N006 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Terrarossa, Barbarasco, Corneda, Groppo di Tresana, Incrocio con l'Alta Via dei Monti Liguri, Area del Passo Alpicella, Santa Maria di Calice, Calice al Cornoviglio, Pantanelli, Pianaccia, Piano di Madrignano, Ceparana, Piano di Valeriano, Bottagna, Fornola di Vezzano Ligure, Passerella dell'Autostrada A15 e rientro a S.Stefano di Magra (km totali 56)
PERCORSO MC4-N007 ●  S.Stefano di Magra, Passerella Viadotto A15, Fornola, Bottagna, Ceparana, Albiano Magra, Tirolo, Bolano, Podenzana, Aulla, Bibola, Vecchietto, Pomarino, Stazione Ferroviaria Aulla-Lunigiana, Aulla centro e rientro a S.Stefano di Magra (Km totali 57)
PERCORSO MC4-N008 ●  S.Stefano di Magra, Ponzano Magra, Sarzana, Marinella di Sarzana, Marina di Carrara, Carrara, Bedizzano, Colonnata e rientro per Bedizzano, Ponte di Ferro, Carrara Via Carriona, Carrara Viale XX Settembre, Statale n° 1 Aurelia fino a Sarzana, Sarzana Via San Francesco, Via Falcinello, Via Lago, Via Cisa Vecchia, Ponzano Magra, Zona Industriale di S.Stefano Magra, S.Stefano di Magra (Km totali 69)
PERCORSO MC4-N009 ●  Santo Stefano di Magra, Sarzana, Ponte della Budella, Giucano, Fosdinovo, La Foce, Marciaso, Tenerano, Monzone, Gragnola, Rometta, Serricciolo, Pallerone, Aulla e rientro a Santo Stefano di Magra (Km totali 70)
PERCORSO MC4-N010 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Pallerone, Canova di Aulla, Ceserano di Fivizzano, Bardine di San Terenzo, Posterla, Marciaso, Tenerano, Monzone, Mezzana, Codiponte, Gragnola, Gassano, Rometta, Serricciolo, Pallerone, Aulla e rientro a S.Stefano di Magra (Km totali 71)
PERCORSO MC5-N010 ●  S.Stefano di Magra, Sarzana, Colombiera, Castelnuovo Magra, Vallecchia, SS 446 dir. di Fosdinovo, Marciaso, Cecina, Campiglione, Colognola, Gragnola, Gassano, Rometta, Serricciolo, Pallerone, Aulla e rientro a S.Stefano di Magra (Km totali 69)
PERCORSO MM4-N001 ●  S.Stefano di Magra, Aulla, Pallerone, Serricciolo, Rometta, Gassano, Gragnola, Variante panoramica sulla riva sinistra del Lucido, Monzone, Monzone Alto, Vallone della Canalonga, Vinca. Si rientra poi, in senso inverso, fino a S.Stefano di Magra (Km totali 73)
PERCORSO CC3-N001 ●  Santo Stefano di Magra, Ciclabile del Canale Lunense, Via Lago, Via Falcinello, Falcinello, Ponzano Superiore, Caprigliola, Bettola di Caprigliola e rientro a Santo Stefano di Magra (Km totali 22)
PERCORSO CP2-N001 ●  S.Stefano di Magra, Ciclabile del Canale Lunense, Sarzana, Ponte della Budella, Via Falcinello, Via Lago, Via Cisa Vecchia, Ponzano Belaso, Zona Industriale di S.Stefano Magra, S.Stefano di Magra (Km totali 22)
 
 www.toltedalcassetto.it  - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
Home Page del sito Photo Magazine Prima Pagina Site Maps