Logo del sito "Tolte dal Cassetto" Finestre fotografiche su Liguria e Toscana

ARCHIVIO NEWS

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

INDICE ARCHIVIO NEWS

GENNAIO 2012

FEBBRAIO 2012

MARZO 2012

APRILE 2012

MAGGIO 2012

GIUGNO 2012

Presidio alla ex colonia Olivetti

LUGLIO 2012

AGOSTO 2012

SETTEMBRE 2012

OTTOBRE 2012

NOVEMBRE 2012

DICEMBRE 2012

 

  IL TIRRENO del 5 giugno 1946 - Sorge la Repubblica Italiana per volontà di un referendum popolare

PRIMA PAGINA

<<

Archivio di grandi eventi
nazionali ed internazionali,
inchieste, reportages su
quotidiani e riviste celebri

 

FINESTRE APERTE
SUL TERRITORIO

Elenco puntato - Genova  GENOVA

Il capoluogo della Liguria
ha il centro storico più grande
d'Europa. Nel 2004 è stata la
"Capitale Europea della Cultura"...

Elenco puntato - Euroflora  EUROFLORA

In primavera, ogni 5 anni,
 alla Fiera di Genova va in scena
lo spettacolo dei fiori per eccellenza.
I giardini più belli del mondo...

Elenco puntato - Via Francigena  VIA FRANCIGENA

Col Giubileo del 2000 è stata
definitivamente rivalutata
 la via di Sigerico, che i pellegrini
percorrevano a piedi fino a Roma,
 in segno di pentimento...

Elenco puntato - Parco del Magra  PARCO DEL MAGRA

 A Gennaio 2008 il Parco Naturale
Regionale del Magra è il territorio
eco-certificato più esteso d'Europa...

Elenco puntato - Golfo della Spezia  GOLFO DELLA SPEZIA

Tra la punta di Portovenere e il Capo Corvo si apre una delle più profonde insenature di tutto il litorale occidentale italiano, declamata nei versi di illustri poeti e nella quale è incastonata La Spezia, città sede di porto militare e mercantile, che oggi è anche punto di attracco per le navi da crociera...

Elenco puntato - Le Cinque Terre  LE CINQUE TERRE

Cinque borghi marinari il cui destino è sempre stato storicamente legato alla terra e all'agricoltura piuttosto che alla pesca. Un paradiso naturale della Liguria che nel 1997 è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni Mondiali dell'Umanità...

Elenco puntato - La Val di Magra  LA VAL DI MAGRA

Nobili, vescovi, mercanti e pellegrini
lungo l'asse della Via Francigena.
 Culture differenti per storia e tradizioni,
nei secoli, si sono sovrapposte
 e hanno permeato il territorio con
i segni del loro passaggio...

Elenco puntato - La Val di Vara  LA VAL DI VARA

La "Valle dei borghi rotondi"
è anche conosciuta come
la "Valle del biologico" per le sue
produzioni agricole ottenute con
metodi antichi e naturali.
Varese Ligure nel 1999 è stato il
1° comune ecologico d'Europa...

Elenco puntato - La Lunigiana  LA LUNIGIANA

La "Terra della Luna", in Italia,
ha la più alta concentrazione di
antichi castelli. Se ne contano
circa 160. Alcuni sono bellissimi e perfettamente conservati... 

 
 
 
 
EVENTI GIUGNO 2012
SARZANA - Presidio per la ex colonia

 16 Giugno 2012

La Regione Liguria ha ceduto ad Arte Genova l'area della ex colonia Olivetti di Marinella e, secondo gli intendimenti del nuovo proprietario, questa struttura abbandonata da anni ed ormai fatiscente dovrebbe essere trasformata in un complesso alberghiero. Arte infatti è un'agenzia della Regione Liguria che, in base al suo statuto, può perseguire anche fini istituzionali diversi da quelli inerenti l'attuazione e la gestione dei programmi di Edilizia Residenziale Pubblica.
L'operazione, in pratica una partita di giro, figura tra quelle programmate per ripianare i debiti del comparto sanitario ed ha fatto confluire nelle casse regionali circa 4,5 milioni di Euro.

Ex colonia Olivetti di Marinella
L'immobile della ex colonia Olivetti (dismesso dall'azienda nel 1984), risalente al 1938, è tutelato dal Ministero per i Beni Culturali fin dal 1989, in quanto pregevole dal punto di vista architettonico e importante dal punto di vista storico, posizionato in una zona unica con spettacolare vista sul mare e verso la costa, con una magnifica terrazza di circa 1.000 mq da cui si ammirano le Alpi Apuane. Il recupero di questo degradato complesso potrebbe essere una formidabile occasione per un vero rilancio del comprensorio invece la politica ne sta svilendo l'importanza sociale e architettonica, cercando soprattutto di reperire fondi per le casse in rosso...
A tal proposito, è sorto un Comitato di cittadini, legato ad alcune associazioni ambientaliste (Legambiente, Italia Nostra, Lipu, Movimento Stop al Consumo di Territorio e Fiab) che intende opporsi a qualunque soluzione che non si ispiri alla logica dei "beni comuni" e che propone, in accordo con le logiche innovative che sembrano prevalere nel Sistema Turistico Locale, di prendere in esame la possibilità di destinare l'edifico centrale, i corpi annessi originali ed il vasto parco ad una struttura ricettiva decisamente orientata a soddisfare la domanda del turismo sostenibile, in primo luogo giovanile.
I promotori di questa iniziativa sottolineano che anche l'Istat, nella sua relazione annuale ha detto chiaramente, che "non si produce crescita se non si investe nei beni comuni, e non solo sulla produzione di beni "materiali", ma sulle risorse spontanee, sull'equità, sulla conoscenza, sulla crescita culturale dei giovani." L'Istituto dice anche che è necessario un forte investimento nelle università, nelle scuole, ma anche nel capitale sociale diffuso, nelle reti di sostegno, nelle relazioni umane...
Pertanto questa piccola controproposta d'uso dell'ex colonia Olivetti di Marinella va in questa direzione, dei giovani, del loro futuro, della possibilità di avviare imprese innovative di turismo sostenibile, ma anche della diffusione di una cultura del rispetto e della fruibilità dei luoghi, oltreché del mantenimento di un territorio, quando possibile, con poco cemento...
Sabato 16 giugno 2012 - Per sensibilizzare la popolazione locale, è stato effettuato un presidio davanti al cancello d'ingresso della colonia che si è poi trasformato in una lunga catena umana che ha abbracciato tutto il perimetro della struttura. Tra i presenti lo storico dell'arte Piero Donati il quale ha sottolineato come sia urgente aprire un dibattito pubblico per trovare soluzioni concrete al problema, affinché gli interventi sulla ex colonia Olivetti non abbiano un carattere meramente speculativo. Si cercherà di contattare Arte La Spezia per avere un quadro più approfondito della nuova destinazione d'uso ed entro un mese verrà istituita una giornata dedicata all'analisi di proposte alternative.
Mercoledì 11 luglio 2012 - In Piazza Luni a Sarzana, si è tenuto un dibattito dal tema centrale: "Patrimoni pubblici e territorio". Sottotema e cuore del problema la "tutela della ex Colonia Olivetti di Marinella", con annesso giardino, spiaggia e pineta. Un bene pubblico collocato ai confini con la tenuta di Marinella, Bocca di Magra, il Parco di Montemarcello. Un'area fragile e a rischio, che rende necessaria una pianificazione unitaria e una tutela assoluta.
Entrambe le questioni sono state, a loro volta, pretesti per parlare di beni comuni, stop alla cementificazione insensata, tutela delle aree agricole, nuovi modelli di sviluppo, pianificazioni partecipate e discusse con gli abitanti dei luoghi, turismo sostenibile e lavoro giovanile.
Hanno aderito all'iniziativa e all'organizzazione dell'evento molti comitati locali e associazioni nazionali oltre a quelli già sopra elencati.
Venerdì 5 ottobre 2012 - Nella Conferenza dei Servizi, svoltasi presso gli uffici della Regione Liguria per esaminare le deliberazioni espresse a suo tempo dal Consiglio Comunale di Sarzana è stata accolta la richiesta di escludere la destinazione d'uso commerciale e sanitaria per l'edificio principale, mantenendo primariamente la funzione turistica, nella direzione della sostenibilità e dei giovani. La Conferenza ha pure deciso di rendere pubblica la fruizione del parco antistante il corpo centrale della struttura.
Venerdì 5 agosto 2016 - La giunta regionale ligure, riunitasi alla Spezia, ha presentato un progetto alternativo agli intendimenti perseguiti in passato da altre amministrazioni, facendo retromarcia sull'idea di vendere l'intero complesso.
E' stato infatti affidato ad "Arte Genova" lo studio di fattibilità per trasformare l'edificio in un centro di alta formazione per coloro che intenderanno specializzarsi in campo nautico e crocieristico. Si vorrebbe che la struttura venisse organizzata sul modello dei college anglosassoni, ovvero il piano terra dedicato a uffici, aule e sale polivalenti mentre quello superiore dovrebbe ospitare le camerette degli studenti, attesi anche da fuori Liguria vista l'attrattiva esercitata da questo innovativo campo di studi.
E' stato inoltre reso noto che l'edificio avrebbe un'organizzazione totalmente autonoma, tale da offrire un buon numero di servizi (compreso quello della ristorazione) e potrebbe anche essere un nuovo punto di riferimento per le associazioni sportive locali.
Martedì 9 agosto 2016 - I Vigili del Fuoco di Sarzana hanno dovuto lavorare per circa un'ora per domare un incendio sviluppatosi intorno alle ore 23 all'interno della megastruttura. Le fiamme potrebbero essere scaturite da un fornelletto per cucinare utilizzato in modo improprio dai molti senzatetto che occupano abusivamente l'immobile. Per fortuna non ci sono stati feriti e il caseggiato non ha riportato danni significativi.
Mentre gli abitanti di Marinella di Sarzana continuano a manifestare il proprio malcontento per il degrado in cui sta versando tutta l'area, dal 22 di agosto dovrebbero entrare in azione le ruspe per radere al suolo i fatiscenti bungalow presenti all'interno del parco della ex Colonia, secondo un preciso programma di intervento stabilito dalla Giunta regionale ligure.
Le operazioni di recupero della zona si inseriscono in un progetto più ampio che mira a rilanciare l'intero territorio, dopo che MSC Crociere ha manifestato interesse per rilevare da Arte Liguria la ex Colonia per farne un polo nautico e crocieristico.
 
Sulla destinazione d'uso della ex colonia Olivetti di Marinella si era interrogata anche la compianta Maria Clotilde Fiori Pucci, che poi aveva reso pubblico il suo pensiero:
"Mi appello a tutti coloro che come me amano la nostra terra:
- chiedo loro di riflettere ancora una volta, sul destino cementificatore del nostro territorio : un territorio che gli stessi Damiano Pinelli - presidente del STL Sistema Turistico Ligure, e Aldo Sammartano - presidente della Camera di Commercio promotrice della Fiera del Turismo di Qualità, promuovono - grazie appunto alla bellezza e alla varietà del suo paesaggio, alla sua storia e alla sua cultura ... alla sua identità - come interessante e proficuo tessuto per un turismo di qualità...
- e chiedo ai nostri Amministratori Pubblici e Rappresentanti di Enti - come gli amici Massimo Caleo, Massimo Federici, Lorenzo Forcieri, Marino Fiasella, e loro colleghi - la stessa riflessione, esortandoli a rispolverare quel progetto di recupero e di riutilizzo della Colonia Olivetti di Marinella che era nato alcuni anni fa dalla sensibilità e dall'impegno di due nostri giovani e stimati concittadini, in collaborazione con la Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze e il Master di Turismo e Cultura dell'Università di Trento. Un progetto che si proponeva - e che potrebbe riproporsi oggi in modo ancor più attuale - come motore di sviluppo turistico ( turismo di qualità non di massa ) per tutto il territorio della Bassa Lunigiana ( nulla osta che oggi, dal punto di vista culturale e turistico, si pensi di comprendere l'intera Lunigiana storica ) e che rappresenterebbe per noi tutti una fonte sicura, variegata e duratura di posti di lavoro.
Proprio oggi dunque, a sei anni di distanza da quelle giornate di ricerca e di studi da parte del folto e colto gruppo di studenti delle due Università, e a seguito delle ripetute presentazioni di quel progetto che ha continuato ad appassionare tutti, riproviamo a chiederci:
- se sia il caso di continuare a preferire soluzioni urbanistiche di più immediata e opportunistica realizzazione ma di minore e non-garantito-nel-tempo tornaconto sociale
- o se invece non convenga una scelta edilizia-socio-culturale più impegnativa forse nell'immediato, ma di maggiore e duraturo valore come interesse rivolto al bene comune.
Chiediamoci dunque e soprattutto dal punto di vista sociale:
- quanti e di quale durata i posti di lavoro offerti alla collettività da un'altra cementificazione a scopo abitativo?
- e quanti, di quale qualità e di quale durata i posti di lavoro offerti sul territorio da un progetto-motore di sviluppo turistico (ripeto : turismo di qualità !) sul quale stanno già puntando - anche a livello internazionale - il Sistema Turistico Ligure STL e la Camera di Commercio della Spezia ?
Agenzie turistiche, albergatori, affittacamere, ristoratori, B&B, esercenti pubblici in genere, cuochi, camerieri, bagnini, collaboratori vari, scuole alberghiere, guide turistiche, operatori sportivi, corsi di lingue, produttori agroalimentari, artigiani, centri estetici di benessere, artisti, musei ...... commercianti, trasporti terra-mare ... medici, ingegneri, architetti, commercialisti ... chi mai rimarrebbe con le mani in mano ?!?"
Maria Clotilde Fiori Pucci - Associazione ProgettoUomo
 
TOLTE DAL CASSETTO - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
 

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP